Testimonianza di Sami Youssef, Vice Sindaco del comune di Tannourine

Testimonianza di Sami Youssef, Vice Sindaco del comune di Tannourine

Signor Sami, ci faccia una sua breve presentazione

Sono stato eletto vice sindaco del comune di Tannourine nel Maggio 2016 e da allora ho concentrato il mio lavoro sullo sviluppo locale. Negli ultimi 38 anni ho lavorato a Beirut, nel settore dei servizi sociali. Il passaggio al lavoro municipale è stato impegnativo ma molto soddisfacente perché sento di restituire qualcosa alla mia comunità locale dopo aver lavorato per molto tempo lontano da Tannourine.

 

Come vede Tannourine alla luce del turismo?

Tannourine è una città di natura agricola, tuttavia questo settore non genera reddito e la maggior parte dei residenti di Tannourine fanno affidamento su altri posti di lavoro nei settori dei servizi e dell’edilizia, mantenendo l’agricoltura come attività secondaria. Negli ultimi 5 anni il Comune ha lavorato a diversi progetti di sviluppo e ha iniziato a promuovere Tannourine come destinazione turistica. A Tannourine, i turisti visitano spesso la riserva naturale della foresta di cedri,la cava di Baatara, le piste da sci a Laqlouq e il sito di arrampicata su roccia a Tannourine el Tahta, il più grande del Medio Oriente,

Dal punto di vista turistico, personalmente penso che dobbiamo lavorare per distinguerci come destinazione dai nostri villaggi vicini, mentre complimentiamo piuttosto che competere con la loro offerta turistica. Credo che gli sforzi dovrebbero essere indirizzati alla promozione del turismo rurale, dell’ecoturismo e del turismo religioso. A Tannourine ci sono 24 chiese e santuari dedicati alla Vergine Maria, molti dei quali sono collegati da un sentiero tematico chiamato il sentiero dell’Eremita.

In collaborazione con l’Università di Balamand, il comune ha completato uno studio prospettico sul potenziale di sviluppo degli altopiani e dell’agricoltura di Tannourine, l’ecoturismo e la costituzione della riserva naturale di Juniper sono stati evidenziati come i principali progetti da sviluppare.

 

Quali sono le vostre opinioni sul piano d’azione sviluppato in collaborazione con LMTA?

Le nostre opinioni sono in linea e integrando tutto il lavoro che il comune sta facendo, arriva il MOU che è stato firmato tra il Comune di Tannourine e il LMTA. Questo MOU ha portato il rapporto tra entrambe le parti da un legame di conoscenza ad una vera e propria relazione collaborativa e fruttuosa.

Nell’ambito del MOU, è stato formato un comitato tecnico municipale che si è incontrato regolarmente con il team LMTA per sviluppare un piano d’azione molto importante per lo sviluppo, la protezione e la promozione LMT in Tannourine.

Grazie all’approccio metodologico di LMTA, siamo irremovibili nell’implementare tutte le parti dell’attuale piano d’azione e intendiamo svilupparlo ulteriormente, nella speranza che il trekking diventi una cultura locale piuttosto che un semplice hobby per pochi.

Le attività che vengono organizzate nel quadro del piano d’azione stanno avendo un riscontro molto positivo da parte della comunità locale. Al momento stiamo organizzando l’evento escursionistico a Tannourine sulle sezioni 9 e 10 del LMT e lavoreremo per far sì che questa attività diventi un evento annuale, evolvendo per promuovere le abitudini e le tradizioni di Tannourine, vale a dire il suo patrimonio culinario.

 

Quale pensa dovrebbe essere il ruolo del Comune nella promozione e protezione della LMT?

Credo che ogni comune lungo il percorso LMT dovrebbe avere un comitato tecnico sostenibile per mantenere, sviluppare e promuovere le sezioni LMT che transitano nelle sue terre e lavorare per promuovere le attrazioni su queste sezioni. Secondo me, più percorsi sono promossi e utilizzati dalla comunità locale, più diventeranno realtà per la popolazione locale, il che faciliterà gli sforzi per la loro protezione.

 

Alcuni pensieri finali sulla sua collaborazione con LMTA?

Come presidente del comitato tecnico e come vice sindaco, dichiaro che siamo orgogliosi del lavoro svolto e del lungo cammino che abbiamo intrapreso come Comune con il LMTA.

 

Versione Inglese

This article is made possible in the framework of the project “Conservation and Development of Economic Opportunities on the Lebanon Mountain Trail” under the EU funded Reinforcing Human Rights and Democracy in Lebanon – Active Citizenship, AFKAR III program managed by the Office of the Minister of State of Administrative Reform (OMSAR). 

This publication has been produced with the support of the European Union. The content of this article is the sole responsibility of COSPE and can under no circumstances be regarded as reflecting the position of European Union and the  Office of Minister of State for Administrative Reforms (OMSAR). 

 

 

Chiudi il menu